Obiettivo zero sprechi, zero fame. Cresce il Food-sharing a Messina

No votes yet.
Please wait...

Fonte: www.tempostretto.it

Foto: www.tempostretto.it

Ormai attivo in molte città d’Europa, il progetto spinge le persone alla condivisione del cibo nella duplice accezione etica e utilitaristica.

Continua ad allargare le sue maglie “La Rete Cibo Condiviso”, il progetto di Food-sharing nato a Messina il 30 marzo del 2015 grazie alle associazioni locali Energia Messinese 2.0 e La Casa Rossa – R.a.p. Messina (Rete per l’Autorganizzazione Popolare) a cui adesso si affiancano anche le nuove associazioni Cuore di Drago, il Fronte Popolare Autorganizzato, la Banca del Tempo “Zancle Solidale” e Legambiente Messina.

Ormai attivo in molte città d’Europa, il progetto spinge le persone alla condivisione del cibo nella duplice accezione etica e utilitaristica. Se da un lato la condivisione del cibo può creare unità e valore morale nel rivolgersi ai più bisognosi, dall’altro si tende a ovviare ben due problematiche quali quella della mal nutrizione dei meno abbienti e, allo stesso tempo, quella dello spreco di cibo da parte di famiglie ma soprattutto di locali e supermercati.

Il valore commerciale degli alimenti offerti non ha alcuna importanza, ciò che conta è giungere al minor spreco di cibo possibile, così da avere  un minor numero di cittadini in pessime condizioni di bisogno e sempre meno rifiuti in discarica.

Grazie all’impegno del Consigliere della V Circoscrizione Francesco Mucciardi, la RCC ha recentemente ottenuto l’autorizzazione a collocare nella sede del V Quartiere, a Villa Lina, in via Appennini n° 1, uno scaffale ed un frigorifero per consentire a coloro che vogliono condividere del cibo, che sia a lunga conservazione e non, di avere un punto di raccolta che consenta di metterlo a disposizione di coloro che ne avessero necessità.

Per il momento, la raccolta si effettuerà ancora presso le sedi dell’Associazione Energia Messinese 2.0 in via Cesare Battisti 226/c.

Chi è in condizioni di bisogno può prelevare il cibo condiviso presentando le fotocopie del documento d’identità e del modello ISEE che attestino un reddito inferiore alla soglia di povertà stabilita dall’ISTAT.

Contatti: Gaetano Scoglio 380-3263243; l’Associazione culturale Cuore di Drago, La Casa Rossa R.A.P. Messina, Legambiente Messina e Banca del Tempo di Messina Zancle Solidale – a Piazza Casa Pia, presso Ex Ipab. Contatti: Dino Cafiero 340-7948581 e Francesco Mucciardi 347-7105024; Fronte Popolare Autorganizzato – Via Conte di Torino n° 69. Contatti: Santi Lombardo 320-3709698.

Martina Galletta

Articoli Correlati