Forum

Notifications

Struttura del forum  

Pagina 1 / 3

Stefano Vaselli
Post: 10
Moderator
(@stefano-vaselli)
Utente attivo
Iscritto: 9 mesi fa

Buongiorno a tutti e tutte!!

è ovviamente importante che nel forum trovino spazio gli argomenti di discussione più importanti.

A parte la prima "cartella" con le regole e che va letta  prima di postare, di solito nei forum ( almeno quelli che frequento io), immediatamente sotto compare la cartella "Mi Presento" dove i nuovi utenti possono raccontare qualcosa di se stessi, della propria Bdt ecc. 

A seguire metterei cartelle di discussione relative alla gestione e alle esperienze, come ad es. "iniziative", "gemellaggi" "convenzioni" "bandi e finanziamenti" "convegni" ecc

Poi un area legale dove si affrontano i problemi legati al mondo delle associazioni "leggi nazionali e regionali"  "consulenze" ecc

Poi un area tecnica dove si affrontano i problemi legati ai gestionali, ai problemi informatici ecc.

Infine un area ludica che non manca mai in ogni buon forum, di solito si chiama "pausa caffè", " quattro chiacchiere al bar" o cose simili, un posto dove gli utenti del forum possano prendere l´abitudine di conoscersi parlando di argomenti che esulano dalla bdt stesse (figli, lavoro, vacanze,sport ecc.) 

Ho messo giù le prime considerazioni che mi vengono in mente, come si dice, "poche idee ma confuse" 😛 

 

 

27 Replies
La Redazione
Post: 13
Admin
(@andreas)
Utente attivo
Iscritto: 10 mesi fa

Ciao Stefano, ho rifatto la struttura del forum, pari pari, come l'hai descritto tu....secondo i tuoi suggerimenti... 😛 

Vedi se, come primo passo, può andare? Fammi sapere.... 😀 

Rispondi
1 Rispondi
Stefano Vaselli
Moderator
(@stefano-vaselli)
Iscritto: 9 mesi fa

Utente attivo
Post: 10

Ovviamente la mia è una struttura scritta di getto, facendo riferimento ai forum che frequento. La struttura dipenderà anche da quanto vogliamo "allargare" la partecipazione. Per es. "Come aprire una banca del tempo" presuppone che entri anche chi vuole anche solo informarsi.  Al rovescio per far si che il forum sia "calpestato" si potrebbero aprire aree specifiche per I coordinamenti regionali nelle quali entrare solo se ammessi. Mi è venuto in mente che nella zona operativa, aprire una cartella "gestione dello sportello" e "gestione della bdt" ci potrebbero stare, sono argomenti precisi. 

Rispondi
Grazia Garavini
Post: 3
Admin
(@graziella)
Nuovo utente
Iscritto: 2 anni fa

Ottimo creare le sezioni e categorie, ok che la  prima sezione sia quella di 'accoglienza'(mi presento) che dite di aggiungere anche quella di supporto e quella alle novità(news) in generali del sito, e tutto quello che riesce a coinvolgere di più l'utenza al primo impatto.

Poi che dite di  concentrare le sezoni  fulcro del forum, cioè quelle più importanti dovel'argomento si svilupperà;

Per  la home farei attenzione non deve essere molto lunga potrebbe essere dispersiva, meglio non creare una sezione per ciascuno dei dettagli che dite?

Mi vengono in mente le indicizzazioni all'interno, cioè non scrivere testi particolarmente corposi ma concentrati (una piccola sintesi9 e poi indicizzando con i link si rinvia chivisita agli argomenti in dettaglio.

Anche io come Stefano ho scritto di getto, spero  qualcosa sia utile. ciao a tutti

Rispondi
Stefano Vaselli
Post: 10
Moderator
(@stefano-vaselli)
Utente attivo
Iscritto: 9 mesi fa

https://www.arredamento.it/forum/    questo è uno dei siti più frequentati in italia, come vedete esiste un "albero " composto per argomenti.  Quelli specifici, quelli accessori e quelli più ludici. Interessante anche l´ultima sezione "suggerimenti e statistiche" (da valutare). Dipende molto da quanto vogliamo allargata la partecipazione. Questo forum è ovviamente aperto a chiunque ed è pieno di sottocategorie.  Questo è uno degli argomenti: quali vogliamo che siano i partecipanti? Solo i membri dei direttivi? Tutti gli iscritti alle associazioni? tutti i correntisti anche se non iscritti alla associazione che gestisce la bdt? Tutti ? 

Rispondi
3 Repliche
La Redazione
Admin
(@andreas)
Iscritto: 10 mesi fa

Utente attivo
Post: 13

Cosa ne pensi di com'è strutturato ora il forum? Ho tolto i titoli e ho messo le categorie principali e le sottocategorie.

Domani darò un'occhiata al forum da te consigliato.

Rispondi
Aurora
(@aurora)
Iscritto: 10 mesi fa

Nuovo utente
Post: 3

si andreas meglio strutturato con categorie , prima era troppo lungo e dispersivo

Rispondi
La Redazione
Admin
(@andreas)
Iscritto: 10 mesi fa

Utente attivo
Post: 13

Bella anche l'ultima domanda. Per me andrebbe aperto a tutti, ma vorrei anche sentire le vostre opinioni dei pro e dei contro di un forum aperto a tutti!

Rispondi
Stefano Vaselli
Post: 10
Moderator
(@stefano-vaselli)
Utente attivo
Iscritto: 9 mesi fa

Se vogliamo che il forum sia uno strumento di divulgazione bisognerebbe aprirlo a tutti. Questo comporta però  un lavoro extra per I moderatori. ....

Altro argomento: posto che lo apriamo a tutti, quante bdt hanno al loro interno aderenti che possano partecipare? Se possiamo contare su correntisti di buona esperienza che partecipano e rispondono alle questioni con competenza, allora direi che aprire a tutti sia un bene. 

Rispondi
1 Rispondi
Giuseppe Gentile
Moderator
(@giuseppe)
Iscritto: 11 mesi fa

Utente attivo
Post: 6

Quante BdT hanno al loro interno aderenti che possano partecipare? Pochissimi, nella mia BdT Marcella, Armando e qualche altro. Io direi di aprire agli iscritti delle BdT che desiderano partecipare, gli altri possono accedere, leggere l'argomento ma non possono commendare.

Conclusione per iscriversi al forum dervono essere soci, forse così è troppo restrittivo.

Si prega commendare.

Rispondi
Pagina 1 / 3

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sulle Banche del Tempo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l’immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.